Cavalier Hak & Luca Non Esiste: Videorecensione

In Cavalier Hak by Hagar Lane

Finalmente è arrivata la prima videorecensione per Cavalier Hak. L’ha fatta Luca, nel suo canale YouTube, divertentissimo e interessantissimo, che si chiama Luca Non Esiste.

Avevo visto le videorecensioni fatte da Luca su libri altisonanti, tutti pubblicati da grosse case editrici, e avevo apprezzato la sua schiettezza, perché quando un libro non gli piaceva lo diceva senza mezzi termini.

Era quello che cercavo: un lettore con un canale YouTube che recensisse i libri in totale libertà di pensiero ed opinione. Così mi sono messa in contatto con lui e abbiamo fatto “patti chiari e amicizia lunga”. Il patto tra noi consisteva nel fatto che Luca – cosa che ha specificato sia nel video dell’unboxing che in quello della recensione del romanzo – era: “Se il libro mi fa cagare voglio la libertà di poterlo dire chiaramente”. Io ho risposto con grande sicurezza di me: “Affare fatto! Ti ho scelto proprio per questo”. Così oggi ho visto la videorecensione all’interno del video intitolato: “BookTuber sarà lei!” (letture Febbraio ’20) (dal minuto 16, più o meno, parte la recensione a Cavalier Hak).

Ringrazio di cuore Luca, e gli auguro ogni fortuna come artista. Ha fatto l’attore di teatro per molti anni, e ha una capacità comunicativa che io trovo eccellente sotto tutti i punti di vista. In radio o in teatro sarebbe una bomba, perciò spero che presto venga scoperto da chi di dovere e lo piazzi nuovamente su un palco, perché ritengo sia quello il suo habitat naturale.

Dopo aver visto e ascoltato la recensione io e Luca ci siamo scritti in privato su Instagram. Lui mi ha detto che ha dimenticato di dire molte cose nella sua recensione, e un po’ è vero, ma io per prima so che se si vuol parlare di Cavalier Hak a tutto tondo… servirebbero molte ore per farlo e non solo un quarto d’ora. Ho capito che Luca ha focalizzato la sua recensione su dei punti salienti del libro e va benissimo così. I punti sono questi:

  1. La chiave di lettura della realtà fatta da una donna, e che è diversa da quella fatta da un uomo.
  2. La trama principale, un fantasy che si può leggere come qualsiasi fantasy, e la trama chiaramente visibile nel sottobosco, tutt’altro che velata. In questa seconda e più importante trama emergono le riflessioni sulla realtà di oggi (la nostra epoca storica si chiama non a caso “Nuovo Feudalesimo”), dal punto di vista filosofico, politico, economico, militare, sulla vita e sull’amore, sull’individuo e le sue libertà, sugli ideali per i quali battersi a costo della propria vita, perché in quella “lotta” risiede la nobilitazione dell’esistenza stessa, o il senso della vita, ditelo come volete.
  3. Uno dei temi centrali del romanzo: la religione, che troppo spesso è stata utilizzata per minare le libertà fondamentali dell’essere umano.
  4. Gli archetipi. I personaggi in Cavalier Hak hanno una doppia funzione: quella di creare una storia fantasy e quella, molto più importante, di fungere da archetipi. E’ esattamente così. Bravissimo Luca, e grazie per aver colto questa finezza.
  5. Il messaggio che il mio romanzo gli ha lasciato, e del quale sono felicissima: “Te devi da’ da fa’! Devi alzarti, agire e lottare per i tuoi ideali, per le cose che ritieni giuste”.

Che dire? GRAZIE Luca, di cuore.

Allego qui il ritaglio dei primi 3 minuti del video della recensione a Cavalier Hak: un assaggio di Luca. Per il video completo rimando al link messo sopra, o QUI. Bellissimo anche il commento da lui fatto sulla copertina del mio romanzo: “Molto bella, seppur catarifrangente” 🙂

Un bacione Luca e un forte abbraccio.